SCENARIO

Disciplina creativa. Scenario di Hans Camille Vancol

Benvenuti in Caleido. Questo scenario, a cura del danzatore, coreografo e insegnante Hans Camille Vancol, affronta il tema: Disciplina creativa. Hans Camille Vancol nasce come artista a Les Ballets Jazz de Montreal. In seguito si afferma a Le Ballet du Grand Theatre de Geneve, poi al Balletto di Venezia e nel 1995 crea e firma l’evento LUCE per l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Oggi è un consulente creativo e regista per eventi culturali, e dirige la Vic Ballet Academy di Verona con sua moglie Anat Weinberger.

Buon ascolto!

Diario di: Hans Camille Vancol @vic_ballet_academy

[ascolta il podcast per la versione integrale
e leggi l’articolo per la versione ridotta]
@vic_ballet_academy

Vorrei iniziare questo podcast dicendo che sono onorato di far parte di questo progetto dedicato alla creatività e al rigore.

Mi presento, sono Hans Camille Vancol attualmente direttore artistico della Vic Ballet Academy, scuola di danza che si impegna a formare e indirizzare i giovani danzatori verso il mondo del professionismo.

Partendo dall’arte coreutica, questa mia breve riflessione si fonda sui principi della creatività e del rigore, basandomi soprattutto sulla mia esperienza quarantennale nel mondo della danza.

La creatività nel settore della danza non si rivela soltanto come un valore alternativo, ma piuttosto riesce ad elaborare una sfera parallela capace di comunicare allo spettatore un’emozione visiva, un’esperienza metafisica e una condivisione istintiva.

In realtà, l’approccio creativo nella danza si basa prevalentemente su un percorso personale e individuale. Come dicono gli anglosassoni: “there is nothing new under the sun”, cioè “non c’è nulla di nuovo sotto il sole”. Credo che la creatività artistica sia alimentata da un desiderio viscerale di voler mettere in atto una propria visione, nel quale il parametro ineffabile è quello di salvaguardare il proprio dna inventivo. Per questo penso sia fondamentale attivare un certo rigore per frenare, o organizzare, questo tsunami di idee, che come tantissimi artisti o creativi sanno può arrivare a qualsiasi ora del giorno.

Inoltre, penso che il rigore debba ad ogni costo essere l’equazione, o la bilancia, che renderà fluida o senza filtri l’azione della creatività.

Hans Camille Vancol, di origine canadese, è nato ad Haiti ed è cresciuto in Liberia e nella Repubblica Democratica del Congo. È un performer, insegnante, coreografo e direttore artistico. Si è formato alla scuola di Les Ballets Jazz de Montreal diretta da Geneviève Salbaing. In seguito si è unito alla compagnia per interpretare opere di Louis Falco e Ulysses Dove tra gli altri.

Dopo cinque anni di intense tournée in tutto il mondo, è passato a Le Ballet du Grand Théatre de Genève diretto da Oscar Araiz, dove ha interpretato opere di Mats Ek e Jiri Kylian. Ha anche insegnato danza jazz al Conservatorio di Musica di Ginevra.

Due anni dopo si è spostato in Italia, dove ha lavorato per il settore televisivo e moda. Successivamente ha accettato un contratto come principal presso Il Balletto di Venezia diretto da Giuseppe Carbone dove ebbe la memorabile opportunità di danzare accanto ad alcuni dei grandi nomi del balletto. Come Nureyev, Vassiliev e Maximova e Sylvie Guillem tra gli altri.

La sua svolta fu la fondazione di una scuola di danza a Verona con sua moglie Anat Weinberger. Dopo tre decenni, la Vic Ballet Academy prepara ancora oggi giovani studenti per entrare in rinomate accademie internazionali e continua la proliferazione della condivisione della danza con tutta la comunità.

No products in the cart.