PEOPLE

Caleido intervista Lukhanyo Mdingi fashion designer

Caleido intervista Lukhanyo Mdingi, fashion designer e direttore creativo dell’omonimo brand con sede a Città del Capo, in Sudafrica. Benvenuti in Caleido, diario d’ispirazione che contiene molte storie: di persone creative, di tendenze, di viaggi, di oggetti. / Leggi qui l’Editor’s letter

 

Diario di: @lukhanyomdingi

#CaleidoPerspectives
10 tematiche di conversazione, affrontate da prospettive differenti, per esplorare la realtà tramite una visione caleidoscopica

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_6
Ph. Michael Oliver Love
1. Lei è originario di Città del Capo, in Sudafrica. Quali aspetti della sua terra d’origine l’hanno maggiormente plasmata? Immaginando di esporre tutte assieme, in un’unica stanza, le sue collezioni, quali sono gli elementi culturali che emergerebbero con maggior intensità e costanza?

Sono originario di una piccola città sulla spiaggia nella costa del Capo Orientale in Sudafrica. Sono un giovane nero Xhosa che viene da una casa che celebra la nostra gente, la nostra cultura e lo spirito della comunità. Credo ci sia una sorta di sensibilità sfumata che vive nei pezzi delle nostre collezioni. È l’essenza dell’amore, della comunità, degli esseri umani.

È stata una crescita costante e organica in questi ultimi 7 anni, ma il nostro obiettivo resta quello di costruire un ponte tra l’artigianato e l’estetica moderna: l’artigianato rappresenta l’origine delle cose, le mani di coloro che fanno parte di queste comunità di esseri umani, mentre l’estetica è la sensibilità nei confronti dello stile.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_3
Ph. @lukehouba
caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_2
Ph. @kentandreasen
2. Cosa ha significato, all’inizio della sua carriera, essere un fashion designer nel suo Paese? Ci sono degli episodi, degni di essere annotati in un Diario, che ricorda con maggior intensità?

È interessante avere il tempo di pensare, riflettere e vedere la traiettoria della tua carriera proiettarsi davanti a te. Per me, avere l’opportunità di lavorare in uno spazio in cui ho visto personaggi chiave usare il loro tempo e il loro talento a servizio del mio marchio è stato un privilegio. Non c’è un momento in particolare che necessariamente prevale sull’altro, perché tutto e tutti contano. Quello che ho capito in questi anni è che siamo tutti più simili che diversi, vogliamo tutti essere visti e ascoltati per il nostro Vero Io, e molto spesso questo si esprime attraverso la nostra estetica, le nostre abilità, il nostro talento…

Ph. Kyle Weeks

3. Quali crede siano i cambiamenti più profondi che il settore della moda sta vivendo oggi? In che modo i talenti di nuova generazione stanno contribuendo a queste evoluzioni?

La moda funge oggi come mezzo di cambiamento. Non si tratta solo di vestiti, ma sono le nostre intenzioni che sono radicate e guidate da uno scopo più alto. Sento che è questo il più grande cambiamento che si sta vivendo attualmente.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_4
caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_5
4. Quali crede siano i temi sociali più forti che la società contemporanea sta affrontando? Ci sono delle battaglie che le stanno più a cuore?

Tutti noi abbiamo le nostre battaglie interne, e le nostre esperienze sono tutte legate alle nostre abitudini, al nostro background, alle nostre conoscenze e agli ambienti che frequentiamo. Per me il tema centrale è vedersi tutti dal punto di vista umano. Essendo un designer, un imprenditore, uno studente, un insegnante e un umano, mi sono reso conto che abbiamo tutti bisogno l’uno dell’altro e spero che, come esseri umani, potremo metterci tutti al servizio reciproco, a maggior ragione chi è in una posizione privilegiata.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_8
Ph. Jarred Figgins
5. Uno dei temi maggiormente presenti nella discussione odierna riguarda l’approccio sostenibile della moda. Non solo dato dalla naturalità dei tessuti, ma anche da un approccio che sfocia nei processi produttivi, contenuti etici o sociali. Qual è il suo approccio in questo ambito?

Avere un approccio ponderato e attento al design e a coloro con cui lavoriamo è l’essenza di ciò che siamo. Non è un compito facile a volte, ma l’obiettivo è quello di avere un approccio assertivo e compassionevole quando ci si imbarca in un nuovo prodotto o in una nuova relazione. Lo sviluppo tessile diventa una delle pratiche principali all’interno del nostro brand, poiché ci dà l’opportunità di lavorare con gli esseri umani sin dall’inizio del processo di sviluppo.

Lavorare assieme a chi ha un forte senso di finezza nel proprio mestiere permette di mettere in campo un certo tipo di onestà che le macchine non hanno. Il nostro approccio è quello di coltivare costantemente il rapporto attraverso il puro spirito di fiducia. Per noi questo è la base delle creazioni che vedete davanti a voi.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_10
6. Il suo lavoro è intriso di cross-cultural references, facendo di lei un talento da seguire. Se dovesse individuare 5 referenze (anche al di fuori dalla moda) che la descrivono, da ricercare su Instagram, quali sarebbero?

Non vorrei che le reference si limitassero solo a Instagram: i riferimenti, o le parole chiave, verso cui protendiamo non sono sempre tangibili, ma piuttosto viscerali. È lo spirito dell’amore, dell’essere umano, della sincerità, della considerazione e della compassione.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_16
Ph. Alexander Zonomessis
caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_15
Ph. Alexander Zonomessis
caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_9
Ph. @_kyleweeks_
7. Recentemente, un ospite di Caleido ha detto che nel mondo contemporaneo non c’è più bisogno di nuovi “simboli” (che per la moda sono invece sempre stati centrali): ciò che serve è invece che i creativi si concentrino sul trovare soluzioni efficaci per tutelare l’ambiente e la natura. È d’accordo?

Fare un lavoro orientato a questo scopo penso che sia una pratica importante per proteggere il nostro ambiente e la natura. Sono d’accordo. Credo anche che la vita sia relativa e, come sappiamo, ci sono diversi tipi di privilegi. Poter vivere in una società nella quale possiamo pensare a come proteggere l’ambiente, la natura o anche semplicemente progettare il modo in cui siamo è un privilegio. Io vengo da un Paese in cui la maggioranza delle persone vive costantemente in una modalità di sopravvivenza – letteralmente. La loro capacità di pensiero si limita al portare il cibo in tavola, tenersi al caldo senza elettricità, non avere acqua corrente, assicurarsi che le loro case non si allaghino durante l’inverno o semplicemente muoversi e lavorare in spazi che sono stati creati appositamente per loro: per fallire e limitare le loro opportunità.

La salvaguardia dell’ambiente è una cosa grande e nobile, tuttavia il terzo mondo o i Paesi in via di sviluppo non sono sempre in grado di pensare così lontano.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_18
Ph. Kyle Weeks
Ph. Kyle Weeks
8. Da creativo di nuova generazione, che definizione darebbe al concetto di lusso?

Avere il tempo di creare qualcosa al suo massimo potenziale e lavorare con coloro che hanno le capacità e l’ingegno per aiutarti a farlo.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_21
Ph. Jesse Navarre Vos
caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_22
Ph. Jesse Navarre Vos
9. Che definizione darebbe al concetto di romanticismo? E di amore?

È difficile descrivere cosa sia l’amore o come ci si senta, specialmente raccontandolo a parole. Ma quello che posso dirvi è che l’amore è la migliore delle cose, e viverlo è una sensazione maledettamente sublime.

10. Qual è un oggetto della sua casa al quale non rinuncerebbe mai? Qual è il ricordo legato ad esso? Ci manda una foto scattata da lei?

È una sciarpa tessuta a mano che è stata fatta dal mio caro amico Nicholas Coutts. La sciarpa racchiude la sua essenza e il suo spirito.

caleidodiary_people_LUKHANYOMDINGI_1

No products in the cart.