PEOPLE

Caleido intervista Dirk van der Kooij designer

issue #18: whatever it takes

Caleido intervista Dirk van der Kooij, designer olandese. Benvenuti in Caleido, diario d’ispirazione che contiene molte storie: di persone creative, di tendenze, di viaggi, di oggetti. / Leggi qui l’Editor’s letter

Diario di: @dirkvanderkooij

Ph. Lisa Klappe for the #dreamoutloud exposition in the @stedelijkmuseum
1. Lei chiama il suo marchio “Forever furniture from recycled plastic”. Qual è il suo rapporto, personale e professionale, con il concetto di “per sempre”? Cosa rende un oggetto veramente eterno?

Che bella domanda! Faccio del mio meglio per progettare il minor numero di cose possibile, ma per progettarle per un uso robusto e a lungo termine. Questo significa: colore in tutto e per tutto, monomateriali, niente lacche, niente vernici, niente impiallacciature.  Tendo a non custodire gli oggetti e a non trattarli con cura, il che influenza il mio approccio come designer. Testiamo i nuovi progetti gettandoli dal tetto. L’attaccamento è direttamente correlato al tempo, quindi sento che è mia responsabilità assicurarmi che il lavoro duri abbastanza a lungo da essere valutato in modo significativo.

Ph. @ernieenkelaar visit to the studio on behalf of @vtwonen
2. La componente manuale è centrale nelle sue produzioni. Cosa differenzia il design dall’arte? Forse le tecniche di produzione? O la quantità di abilità manuale? O la quantità di creatività?

Avendo affrontato questa discussione solo dal punto di vista di un designer, posso dare solo una risposta parziale. Penso che nel design il ruolo del cliente o dell’utente abbia un ruolo maggiore nella concezione di un oggetto. Per il nostro studio, non si tratta semplicemente di dire “questo oggetto è bello, questo concetto è convincente”. Ci occupiamo di sicurezza e longevità. È anche una questione di collaborazione: non progettiamo oggetti a sé stanti, ma un piccolo pezzo dell’ambiente domestico di qualcuno. Vendiamo molti progetti direttamente, il che spesso comporta un ruolo di consulenza. Il buon design è anche un servizio.

Poiché il design ha un’applicazione pratica immediata, scopriamo che il nostro pubblico è incredibilmente eterogeneo. Tutti sanno come ci si siede su una sedia e, sulla base di questa esperienza, la maggior parte delle persone può facilmente trovare un modo per impegnarsi o criticare il successo di un progetto… In questo senso, mi piace l’accessibilità del mondo del design.

Ph. @jakecurtisphoto for @livingetcuk | Stylist @hannahfranklininteriorstylist
@dirkvanderkooij
3. Molti la chiamano “artigiano della plastica”, evocando il suo approccio sostenibile e la tracciabilità delle plastiche riciclate che utilizza. È stato difficile combinare queste caratteristiche con un fattore di bellezza estetica?

Decisamente no. La plastica è un materiale intrinsecamente bello. Il modo in cui si piega e si stratifica sotto pressione non è diverso dalla pietra. Il modo in cui si lucida fino a ottenere una finitura calda, morbida e saponata non è diverso dal legno. È triste che in passato non siamo stati in grado di apprezzare la plastica come materia prima autonoma. Il suo ruolo nelle nostre vite è stato in gran parte limitato alla produzione di massa a basso costo o all’imitazione di materiali “migliori”. Quello che spero di fare è rivelare la plastica nel suo stato più libero: trovare modi per far sì che il materiale riveli la sua tensione superficiale, la sua consistenza e i suoi motivi più naturali… perché queste qualità sono tutte profondamente affascinanti.

@dirkvanderkooij
4. Sta conquistando un posto di rilievo sulla scena mondiale. Come si sta evolvendo il mondo dei piccoli marchi autoprodotti come il suo? Quali sono le direzioni dell’evoluzione?

Dato che c’è molto lavoro manuale, credo che i confini tra arte e design siano particolarmente sfumati in questa scena. Ho notato che molti dei miei contemporanei scelgono di definirsi artisti piuttosto che designer, perché sono così coinvolti nella fisicità del loro lavoro. Il materiale spesso è il concetto. L’outsourcing, inoltre, si è rivelato un modello instabile per i designer emergenti. Siamo in grado di avere il controllo (quasi) totale del nostro processo produttivo, il che ci ha permesso di continuare a lavorare con il Covid per esempio. Un piccolo studio è troppo vulnerabile per reagire ai cambiamenti del mercato del lavoro e dei materiali, ma consente un approccio alla produzione più autonomo e interconnesso. È essenzialmente un fenomeno di bricolage quello a cui stiamo assistendo.

@dirkvanderkooij
5. Il suo lavoro riflette molte delle questioni che caratterizzano i tempi moderni. Come valuta la competenza delle persone quando si parla di sostenibilità? Quali aspetti della sostenibilità o dell’ambientalismo, secondo la sua esperienza, sono ancora troppo sottovalutati e dovrebbero essere affrontati maggiormente dalle scuole, dalle istituzioni o dai media?

Credo che per chi non ha una formazione nel campo della produzione sia difficile essere critici nei confronti della durata di vita di un prodotto. Vediamo nascere molti progetti di riciclo a breve termine… scarpe da ginnastica fatte con i rifiuti, lastre fatte con i rifiuti con leganti epossidici. È meraviglioso che questi materiali vengano destinati a un nuovo uso, ma dobbiamo sottrarli definitivamente alle discariche. È qui che generare valore diventa la cosa più importante per i materiali di scarto. Come possiamo trovare un nuovo scopo per questo lavoro che non sarà mai scartato? Per me, la risposta si trova nel garantire l’utilizzabilità a lungo termine di un prodotto, ma anche nell’assumersi la responsabilità dei problemi di produzione. Se non realizzassimo opere riciclabili, sono certo che faremmo più male che bene. Ogni giorno produciamo tavoli con 200 kg di scarti di produzione. Non riuscivo a dormire la notte sapendo che i difetti di produzione o gli scarti tornavano dove li avevamo trovati.

@dirkvanderkooij
@atelier.nd.interior @willemijndeleeuw @spacecontentstudio @thefrozenfountain @thijsdeleeuw @leavecaricealone
6. Parlando delle vostre produzioni: come si svolge il vostro processo produttivo? È corretto parlare di “recycling for upcycling”? Come si svolge la catena di produzione?

La maggior parte della nostra catena di produzione avviene in un ciclo chiuso, ad eccezione dell’approvvigionamento della plastica da aziende di riciclaggio professionali qui nei Paesi Bassi. Una volta ottenuto questo materiale, tutto il resto avviene all’interno del nostro studio. Progettiamo e costruiamo macchine, produciamo tutti gli elementi dei nostri progetti, confezioniamo, vendiamo ed esportiamo tutto da questo laboratorio. Si tratta di un processo olistico: il miglioramento di un livello di produzione si ripercuote in genere su tutti gli altri, il che mi piace molto. Si potrebbe chiamare “upcycling”, ma io lo chiamo semplicemente “making”. C’è qualcosa di molto romantico in quello che facciamo, c’è molto lavoro manuale lento, che spesso mi fa dimenticare che stiamo usando materiale di scarto.

@dirkvanderkooij
7. Se potesse progettare qualcosa di diverso dai mobili, in cosa vorrebbe cimentarsi? Perché questo desiderio?

Mi piacerebbe realizzare capi di abbigliamento. Faccio molta fatica a trovare capi di abbigliamento che siano resistenti, senza tempo e facili da curare. Spendere soldi per oggetti che perdono rapidamente la loro integrità mi fa impazzire. Ho fatto alcune prove con un tessuto di canapa a trama fitta e spessa, ma il mio tempo è ancora molto legato allo studio! Un progetto per la pensione, forse!

@dirkvanderkooij
8. In un mondo di intelligenza artificiale e realtà virtuale, quale sarà lo spazio per la produzione e l’artigianato?

Credo molto nel potere della nostalgia. Per ogni balzo in avanti, c’è la spinta a guardare indietro, a cercare conforto in ciò che abbiamo sempre conosciuto come modo per contestualizzare le nuove esperienze. Semmai, credo che l’intelligenza artificiale servirà solo a elevare il potere delle esperienze vissute e sentimentali. Il nostro studio è pieno di persone che vengono da settori d’ufficio, come il design industriale, la logistica, l’amministrazione e così via, e che cercano di lavorare con le mani. Per quanto sofisticati possano diventare gli spazi virtuali, non possiamo sfuggire al fatto che siamo creature tattili. Il piacere nel processo di creazione è qualcosa che cerchiamo di elevare qui e credo che giochi un ruolo importante nella qualità del lavoro che siamo in grado di offrire.

@dirkvanderkooij
@2lgstudio
9. Le faccio una domanda personale: è una persona solitaria o le piace lavorare in compagnia? Qual è una giornata tipo nel suo atelier fuori Amsterdam?

La maggior parte delle volte lavoro due giorni in uno. Il nostro orario di lavoro è energico e sociale: passo molto tempo a interagire con il mio team. Ci è voluto molto tempo per costruire un team che ride e lavora insieme, ma ora che ci siamo, non vedo l’ora di venire al lavoro la mattina. Detto questo, gran parte del mio lavoro di progettazione o sviluppo preferisco farlo da solo la sera, senza interruzioni. Non ho veri e propri hobby, ho la fortuna di fare ogni giorno ciò che mi appassiona.

@dirkvanderkooij
@dirkvanderkooij
10. Qual è un oggetto della sua casa a cui non rinuncerebbe mai? Qual è il ricordo legato ad esso? Ci invierebbe una foto scattata da lei?

Ho un vaso che associo fortemente al mio defunto fratello Bastiaan. Da bambini lo guardavo mentre versava un po’ di acquavite minerale seguita da un fiammifero acceso nel vaso di ceramica, deliziandosi delle esplosioni che ne seguivano. La cosa continuava: sempre un po’ più di acquavite minerale, sempre un’esplosione più grande. A un certo punto, l’esplosione prevista non si verificò. Sbirciò attraverso la piccola apertura nella parte superiore per indagare, ma si ritrovò con le ciglia e le sopracciglia bruciate! Ho imparato molto da lui, e questo caso non fa eccezione. Conserverò questo vaso per sempre.

No products in the cart.