FROM MM AWARD

Caleido intervista Alice Finney design reporter per Dezeen

Caleido intervista Alice Finney design reporter per il magazine Dezeen e giurata di MM Award 2022. Benvenuti in Caleido, diario d’ispirazione che contiene molte storie: di persone creative, di tendenze, di viaggi, di oggetti. / Leggi qui l’Editor’s letter

Diario di: @alicefinney

@alicefinney
1. Lei lavora come giornalista e design reporter per il magazine Dezeen. Da questo punto d’osservazione privilegiato, quali sono i macro-trend che caratterizzano il mondo del design d’oggi?

Direi che le più grandi tendenze attuali nel design sono lo spostamento verso l’uso di materiali sostenibili, grezzi o vegani in opposizione a materiali come la plastica o le pelli, che hanno un impatto davvero negativo sul nostro clima. Quando grandi marchi come Stella McCartney e Adidas utilizzano materiali come la pelle di micelio (funghi) o la plastica oceanica riciclata per gli accessori di fascia alta, sai che la tendenza è destinata a rimanere.

Dezeen | Hermès displays furniture in five boldly patterned houses
@alicefinney
2. Uno dei temi sui quali, come direttore creativo, mi interrogo sempre più di frequente, riguarda la dimensione virtuale del design. Penso ad esempio al metaverso. In che modo il mondo del design si sta “virtualizzando”?

L’anno scorso ha dimostrato che l’incursione del design nel metaverso è ben avviata e non credo che torneremo indietro. Nel mondo digitale c’è così tanto spazio per la creatività che è terreno fertile per la ricerca di novità, qualcosa che è così centrale per il design. Credo anche che il metaverso abbia aperto il mondo del design appiattendo le gerarchie, nello stesso modo in cui le piattaforme di social media, come Instagram, hanno fatto in passato. Sono comparsi designer da tutte le parti del mondo senza un’educazione artistica ‘tradizionale’ e hanno iniziato a vendere NFT di grande successo, il che ha completamente sconvolto i mercati tradizionali.

Dezeen | Peelsphere is a leather-alternative biomaterial made from fruit waste and algae
Dezeen | Peelsphere is a leather-alternative biomaterial made from fruit waste and algae
Dezeen | Peelsphere is a leather-alternative biomaterial made from fruit waste and algae
3. Ha vissuto e lavorato a Berlino per un periodo della sua vita, prima di tornare a Londra. Da Berlino, come vedeva Londra?

Trasferirmi a Berlino mi ha davvero aperto gli occhi su quanto Londra sia varia, multiculturale e internazionale. Crescere a Londra è una benedizione e una maledizione – se paragonato, ogni altro posto sembra molto più limitato -. Mi ha anche fatto capire che la spinta e la creatività che viene fuori da Londra non è seconda a nessuno. Berlino ha un ritmo di vita molto più lento, il che è ottimo per la salute mentale, ma mi mancava davvero l’atteggiamento frenetico dei londinesi.

Dezeen | Pegg is a furniture collection that can be constructed with traditional pegs
Dezeen | Pegg is a furniture collection that can be constructed with traditional pegs
Dezeen | Pegg is a furniture collection that can be constructed with traditional pegs
4. Nel suo lavoro spesso incontra giovani designer. Quali sente siano le sfide più grandi che un talento di nuova generazione deve affrontare? Quali priorità dovrebbe darsi?

A mio parere, le più grandi sfide che i giovani designer devono affrontare oggi sono ancora le stesse sfide che i designer hanno affrontato un decennio o anche due decenni fa: barriere all’accesso e alla partecipazione, specialmente per i designer provenienti da minoranze e finanziamenti governativi limitati, specialmente nell’educazione artistica.

Dezeen | Burberry creates mirrored pop-up store on Jeju Island
Dezeen | Burberry creates mirrored pop-up store on Jeju Island
Dezeen | Burberry creates mirrored pop-up store on Jeju Island
5. Uno dei temi che affronta di frequente nei suoi articoli riguarda le battaglie sociali nel mondo del design, come quella del colore della pelle. Alcuni, penso a Mac Collins, hanno dichiarato di non voler essere definiti “black designer”, altri invece credono che questa “forzatura” comunicativa possa se non altro aiutare a sollevare un tema così urgente. Qual è il suo punto di vista? Qual è lo stato del mondo del design nei confronti dell’inclusività etnica?

Credo di possedere il dovere e la responsabilità, in quanto donna nera, di avere queste conversazioni e di scrivere pubblicamente sulla disuguaglianza razziale all’interno del design, specialmente quando ho l’opportunità di dare spazio alle voci sottorappresentate su uno dei siti di architettura e design più letti al mondo. Ovviamente c’è ancora molta strada da fare per rendere il design più inclusivo, ma negli anni da quando scrivo di design ho notato che il cambiamento sta lentamente avvenendo. Per esempio più designer di colore stanno diventando famosi, l’educazione al design sta diventando meno bianca e il sud del mondo ha una fiorente scena di design che sta crescendo più velocemente di quanto io possa tenere il passo.

Dezeen | Kim Kardashian launches first pop-up SKIMS store in Paris
Dezeen | Hermès displays furniture in five boldly patterned houses
Dezeen | Hermès displays furniture in five boldly patterned houses
6. Le proprie fonti, per un giornalista, sono sacre. In modo esplicito, però, le chiedo di fare un’eccezione: ci suggerisce 5 profili Instagram da iniziare a seguire?

Iris van Herpen
Dezeen
Diet Prada
Yinka Ilori
Hypebeast

Dezeen | AMO creates sci-fi-themed set for Prada 2022 menswear show - Ph. Agostino Osio, courtesy of OMA
Dezeen | AMO creates sci-fi-themed set for Prada 2022 menswear show - Ph. Agostino Osio, courtesy of OMA
Dezeen | AMO creates sci-fi-themed set for Prada 2022 menswear show - Ph. Agostino Osio, courtesy of OMA
Dezeen | Pantone names Very Peri as its colour of the year 2022
Dezeen | Pantone names Very Peri as its colour of the year 2022
Dezeen | Pantone names Very Peri as its colour of the year 2022
7. Uno degli aspetti che amo maggiormente del nostro lavoro come giornalisti riguarda la possibilità di connettere faccende eterogenee ma totalmente intrecciate. Penso ai legami tra la moda e l’architettura (le passerelle di AMO per Prada), l’attivismo ambientale e il product design (i mattoncini Lego in plastica riciclata), la sanità e l’industrial design (anche i test di gravidanza sono disegnati da qualcuno)… Qual è una sfaccettatura del design che, a ripensarci, l’ha colpita?

Non vedo davvero il design come qualcosa di separato da altri campi, penso che la sua bellezza stia nel fatto che si interseca con così tanti campi di vasta portata. Arriverei a dire che trascende qualsiasi definizione. I designer che apprezzo di più sono quasi camaleontici nella loro capacità di spingere i confini tra ciò che la gente potrebbe pensare che il design sia. L’altro giorno ho scritto di un braccio protesico che è stato sviluppato per essere controllato dalla mente umana e penso che sia uno spazio molto interessante. Mi ha ricordato l’enorme potenziale che il design ha nell’impatto sulle persone reali.

Dezeen | Renesa creates green granite interior for restaurant in Punjab
8. Lei è uno dei membri della giuria di MM Award. Dal punto di vista di una giornalista, che cosa cerca dai concorrenti?

La stessa cosa che cerco nei progetti di cui scrivo: qualcosa che non è stato visto prima, qualcosa che fornisce una soluzione a un problema esistente o qualcosa che dimostra un vero mestiere e impegno. Qualcosa che ci porti tutti in avanti! Sono davvero curiosa di vedere cosa verrà fuori da tutte le proposte.

Dezeen
9. Qual è un oggetto nella sua casa al quale non rinuncerebbe mai? Qual è il ricordo legato ad esso? Può inviarci una foto scattata da lei?

Al momento sono nel bel mezzo di un trasloco e quindi molte delle mie cose sono in scatole o in luoghi diversi, il che ha reso questo compito piuttosto difficile. Se l’avessi avuto con me, avrei fatto una foto di tutte le mie scarpette da danza classica! Mi sono allenata come ballerina di danza classica fino a 17 anni e ne usavo circa un paio al mese, quindi potete immaginare quante scarpe ci siano. Il balletto è stato ed è ancora parte integrante della mia vita e le scarpe sono un ricordo di tutto il mio tempo passato a ballare con loro.

No products in the cart.